imparare una lingua

06/11/2015

|

Auteur:

|

pas de commentaires

|

|

imprimer


Ho studiato italiano nella scuola di lingue perché mi piace imparare cose nuove e penso che è una bella lingua. Amo la cultura italiana.

Per me è molto importante la motivazione per imparare una lingua nuova. È importante anche e fondamentale parlare fuori delle ore di lezione e fare uno scambio linguistico con un italiano.

È molto divertente imparare parole nuove. Per usare la memoria io faccio una lista di parole.

Mi sento a disagio quando non capisco tutte le parole. Alcune volte è difficile la grammatica ma è una stupenda esperienza.

 

Catégorie

Indovinello

18/01/2014

|

Auteur:

|

un commentaire

|

|

imprimer


E’ italiana ed è una regina,

dicono anche sia molto carina.

Balla sul Vesuvio la Tarantella

e pensa che Napoli è molto bella. 

A una pizza famosa dà il suo nome,

ma ATTENZIONE: non il cognome!

Chi è? 🙂

Catégorie

La Grecia è…

18/01/2014

|

Auteur:

|

pas de commentaires

|

|

imprimer


…il posto più bello del mondo, a mio giudizio.

Non importa dove, su una piccola isola poco frequentata, tra le pietre antiche di un paesino bizantino o di un tempio classico, tra i rovi spinosi, il mare trasparente, le case-torri, i mosaici e le colonne slanciate, e le nonnine che ti offrono le loro pesche del giardino, i pescatori che ti portano il polipo appena catturato, i bambini che giocano sulla spiaggia, il tramonto sull’Areopago e i cipressi e le meraviglie di Creta, Naxos, e tutte le altre isole…Fortificazioni “latine”, memorie micenee, paesaggi mozzafiato… Che meraviglia, la Grecia! Para poly m’arései!

Catégorie

L’ALTA BADIA – UNA REGIONE MOZZAFIATO

22/03/2013

|

Auteur:

|

pas de commentaires

|

|

imprimer


In Austria non ci mancano le montagne, ma anche per noi l’Alta Badia è una regione le cui montagne emanano un fascino.  Con la macchina si arriva o dalla Val Gardena attraversando il Passo Gardena o da Brunico lungo la strada stretta con le molte gallerie e – “bëgnodüs” (Benvenuti) nella Val Badia, una regione dove si può comunicare in ladino, italiano e tedesco. Cultura e lingua ladina sono ancora molto vivi e hanno potuto  conservarsi a causa   delrelativo isolamento geografico. Oggi invece di una valle solitaria si trova un centro del turismo invernale e estivo molto frequentato. I comuni più grandi sono Enneberg, San Martino, La Valle, Badia, La Villa, Corvara e Colfosco. Più si entra in Val Badia, più impressionanti diventano le montagne. Vicino a S. Martino si arriva dal passo delle Erbe nel parco naturale Puez-Odle con le cime del Piz de Puez, Sass Rigais e Sassongher, che si estende fino a Corvara. Da La Villa si può salire, ad esempio, sul Monte Cavallo, sul Lavarella o sulle Conturines  nel parco Sennes-Fanes-Braies o più comodamente in funivia sul Colalt e ai prati e pascoli estesi della Pralongià, in inverno centro sciistico e posto di gare di sci. Passando per San Casciano ci si allontana un po’ dal Val Badia e si raggiunge il Passo Falzárego,  punto di partenza per la cima del Piccolo Lagazuoi a piedi o in funivia. Questa zona deve essere visitata da tutti quelli che s’interessano della prima guerra mondiale, perché ancora oggi si vedono dappertutto le tracce dei combattimenti feroci fra Alpini e truppe austriache e nei musei classici o in quelli all’aperto, sui pendii e nelle vecchie gallerie si sente ancora oggi l’atmosfera struggente di quell’epoca.

Un altro evento “struggente” può essere la partecipazione alla Maratona dles Dolomites, maratona ciclistica, organizzata ogni anno in luglio con circa 9000 partecipanti che fanno il giro delle montagne partendo da Corvara in tre percorsi da 55 a 138 km.

A Corvara il famoso massiccio del Sella offre un giro sciistico interessante che dura un giorno intero, varie vie ferrate e l’impressionante Val di Mezdì, il cui attraversamento a piedi in estate e con gli sci è sempre un’esperienza molto particolare. Si lascia la Val Badia in direzione del passo Gardena, non senza aver rifornito le proprie forze con alcune specialità della regione, come canederli, polenta, i tirtlan ripieni, di ricotta, spinaci o crauti, castagne, il pane croccante … con un po’ di vino o mosto della regione.

Se ami sciare, camminare in montagna, arrampicare o solo rilassarti e goderti la natura splendida – l’Alta Badia ti renderà dipendente e tornerai ancora molte volte!

Catégorie